Pubblicato in: Novità

BEER(ry) CHRISTMAS – Vi racconto come è andata. Con un pò di foto, per mostrare cosa vi siete persi, se non c’eravate.

Ieri sera (19/12/14) si è tenuto il BEER(ry) CHRISTMAS con Luigi Serpe, e a tempo di record ecco le foto.

La serata è cominciata tardi rispetto alle previsioni,ma gli amici sembrano aver gradito l’appuntamento.
Un evento sì di aggregazione, divertimento e birra, ma anche e soprattutto un momento di cultura. Un momento per i cultori dell’artigianale per approfondire la propria conoscenza e per i curiosi che si avvicinano ora all’arte brassicola per ampliare i propri orizzonti.

 

Tante birre in degustazione.

E come avevamo preannunciato food.

image

E lo Show Chocolate by Stefania Colella.

Hipsterism per il mercatino vintage.

Il dj Valerio Carlucci ci ha fatto sognare e divertire molto.

Ed Io ho avuto modo di approfondire la conoscenza del Mastro Birraio Luigi Serpe, che mi ha portato una black ipa in regalo (spettacolare e divertente!) insieme a una Noscia.

image
Ho approfittato un pò di Luigi, e della sua cultura. Abbiamo scambiato parecchi punti di vista e ne sono fiero.

 

Insomma una serata davvero speciale, di cui vi posto l’album fotografico completo.

BEER(ry) CHRISTMAS -ALBUM COMPLETO UFFICIALE

Vi lascio e vi aspetto sul blog per nuove avventure.
Ps stay tuned per capodanno 😉

Pubblicato in: Birra artigianale, By night a Napoli, Eventi in programma, Novità

BEER(ry) CHRISTMAS. Quest’anno Babbo Natale a Napoli arriva prima!

berry crhistmas copertina
Una degustazione con il mastro birraio Luigi Serpe.
 Tra mercatini di Natale, food e birra artigianale. Il 19 Dicembre allo Sketch!

EVENTO UFFICIALE FACEBOOK: https://www.facebook.com/events/375591669269638/

 Un Beerry Christmas che si rispetti non può far a meno del proprio Babbo Natale.
Beerry Christmas - birra artigianale di Natale a Napoli
E il 19 Dicembre allo sketch ne avremo, metaforicamente, uno d’eccezione:

Luigi serpe Mastrobirraio Beerry Christmas - birra artigianale di Natale a Napoli il 19 dicembre allo sketch al Vomero

il leggendario Mastro birraio Luigi Serpe, che ci svelerà tutti i segreti del “supremo dono speciale”:

La BIRRA!Beerry Christmas - birra artigianale di Natale a Napoli

Con le sue storie, i suoi segreti, le sue favole.

Ma chi è Luigi Serpe?

Scopritene di più cliccando QUI!

In degustazione le birre dal birrificio artigianale Fiji nel Cilento con cui Luigi collabora per le ricette e delle birre in edizione speciale Natalizia!

Fiji birra artigianale

Porterà delle birre in edizione speciale for christmas, e ci insegnerà a degustare una fresca Weizen ed una belgian ale al miele di castagno.

Voi mi direte, “non si vive di sola birra”, ed è vero, anche se non ci credo poi tanto.
E per questo che ci sarà un bel pò di FOOD!
In una degustazione con:

– crostini con pomodorini datterini
– caciotte nostrane con miele e noci
– ricottine di bufala
– bocconcini di provola affumicata
– conchiglioni ripieni
– frutta secca

E con uno SHOW CHOCOLATE in piena regola, a cura di Stefania Colella.

Show Chocolate - Beerry Christmas - birra artigianale di Natale a Napoli il 19 dicembre allo sketch al Vomero
Una buona dose di serotonina, e la serata si scioglie ulteriormente.

A seguire, dalle 23.00 in poi, MUSIC:

Per continuare a sorseggiare birra, o un buon cocktail sul fondo musicale di Valerio Carlucci tra rock leggero e musica funk.

imageLa location, dicevamo, è lo sketch.
Un “salotto” nel cuore del Vomero di Napoli, che per la serata sarà trasformato.
Dei MERCATINI DI NATALE accoglieranno gli ospiti.

Birra christmas - i mercatini di Natale a NapoliQuesti potranno stupirsi per la particolarità degli oggetti vintage in vendita, che richiamano l’anima retrò della struttura.

Beerry christmas, Un momento per imparare a bere artigianale, e scaldarsi l’anima con un buon boccale.

Beerry Christmas - birra artigianale di Natale a Napoli il 19 dicembre allo sketch al Vomero Un rapporto personale, con il maestro Luigi Serpe che si spenderà per consigliare la birra giusta e guidare gli ospiti in un percorso sensoriale.
Con del food ad accompagnare la degustazione, in modo da accontentare anche
più golosi.

E con musica giusta ed allestimenti che renderanno unica questa serata natalizia.
Insomma, una serata diversa, per passare del tempo con gli amici davanti a una buona bionda.

Beerry christmas napoli❤ BEER(ry) CHRISTMAS ❤

19/12/2014

EVENTO UFFICIALE FACEBOOK: https://www.facebook.com/events/375591669269638/

~ BIRRE ARTIGIANALI SPECIALI DI NATALE ~

~~ BUFFET: Latticini, primo piatto, frutta secca. ~~

~~~ MERCATINO DI NATALE ~~~

~~~~ SHOW CHOCOLATE – a cura di Stefania Colella. ~~~~

> SELEZIONE MUSICALE: Rock leggero e funk – a cura di Valerio Carlucci.

>> Costo: 10€ con drink e food, fino alle 23.00. Poi 7€ con drink.

 

sketch momenti logo locale sul vomero corso europa

EVENTO UFFICIALE FACEBOOK: https://www.facebook.com/events/375591669269638/

Sketch Momenti.

Corso Europa 41, Napoli
Info e prenotazioni: 329.42.92.170Beerry christmas

Pubblicato in: Novità

“I Drink Pink” e tutto si tinge di Rosa! Degustazione, food e music il 23 Luglio all’Hotel Royal Continental, ancora con Città del Gusto Napoli Gambero Rosso!

I drink pink Napoli 2014 cosa si fa

Domani, 23 luglio 2014 torna a Napoli il consueto appuntamento con “I Drink Pink”, una suggestiva degustazione dei migliori vini rosati selezionati dagli esperti Gambero Rosso.

Nell’elegantissima cornice dell’Hotel Royal Continental di Napoli, al 10° Piano con vista mozzafiato sul golfo più bello del mondo, gli “enoappassionati” si danno appuntamento.

Per assaggiare non solo i vini, ma anche i finger food degli chef del Gambero Rosso e i lievitati dei Pizzaioli della Città del gusto Napoli.

Città del gusto Napoli gambero rosso per i drink pink È proprio la Città del Gusto Napoli ad essere promotrice ed organizzatrice dell’evento, a garanzia di qualità e stile.

In Consolle, musica “da degustazione” selezionata dai Dj di Lunare Project…
per vivere il feeling dell’estate, del mare e delle emozioni in perfetta sintonia con il mood sofisticato ed elegante degli eventi firmati Città del gusto Napoli Gambero Rosso e Radio Yacht, la radio à porter dedicata agli spiriti liberi.

Lunare project i drink pink  2014 gambero rosso

È possibile votare via web i vini selezionati: http://www.gamberorosso.it/component/k2/item/1020055
I VOTI DEL WEB SI SOMMERANNO AI VOTI DEL PUBBLICO E A FINE SERATA VERRA’ PROCLAMATO IL ROSATO DELL’ANNO, così come il pubblico napoletano ha votato.

Ecco l’elenco dei numerosi i vini e delle aziende in degustazione, provenienti da tante regioni:

Cantina Lunae Bosoni
Ferghettina
F.lli Giorgi
Lombardini
Podere la Regola
Velenosi Vini
Tenuta Colli di Serrapetrona
Citra
Casale del Giglio
Marisa Cuomo
Sanpaolo – Magistravini
Fattoria La Rivolta
Tenuta Cavalier Pepe
Villa Matilde
Cantine Tora
Reale
Regina Viarum
Colli di Castelfranci
Cantine Iannella
Telaro
Fontanarosa
Alberto Longo
D’Alfonso del Sordo
CALOSM
Eméra

Durante la serata inoltre l’evento potrà essere seguito in contemporanea su Facebook, Twitter ed Instagram attraverso immagini, parole e sensazioni della serata, tramite l’ashtag #idrinkpink.
Un evento da non perdere: dal vino al gusto, dalla musica allo splendido panorama, alla musica d’ autore per la degustazione più glamour dell’ estate napoletana.

I drink pink Napoli 2014 cosa si faI DRINK PINK 2014
Biglietto d’ingresso € 20,00
EVENTO A POSTI LIMITATI. E’ NECESSARIA LA PRENOTAZIONE
Per info e prenotazioni:
Tel. 0813119800-01
cell 3381691727
e-mail: napoli@cittadelgusto.it
e-commerce: http://bit.ly/IdrinkpinkNapoli

Facebook Fan Page: cittadelgustonapoli
Twitter: Cittadelgusto Napoli
Instagram: Città del gusto Napoli

#Eventi, #gamberorosso, #vini, #degustazioni

Pubblicato in: Arricreammec, Enogastronomia per Eventi Social

Consigli utili per acquistare birra artigianale al supermercato a Napoli. Rendi i tuoi aperitivi davvero per élite

Lo dico subito: il supermercato non è (ancora) un buon posto dove comprare birra. Certo, le eccezioni non mancano e catene come Coop, Esselunga, Iper o altri centri di grosse dimensioni offrono a volte prodotti birrariamente interessanti mischiati al marasma delle birre industriali sempre più camaleontiche. L’appassionato non ha problemi a capire subito di aver avuto fortuna e si riempie il carrello di Saison Dupont in offerta, ma il consumatore normodotato come fa ad orientarsi davanti ad uno scaffale? Ecco alcuni semplici consigli per cercare di limitare i danni.

1) Non avrai altra birra se non in bottiglia. Dimentichiamoci lattine e fustini, per bere bene dobbiamo rivolgerci al vetro. E possibilmente vetro scuro, perché adatto a preservare la birra. Quindi facciamo fuori anche le bottiglie trasparenti. E anche il lime…

2) Non siamo all’isola dei famosi. Scartiamo le marche di cui abbiamo visto la pubblicità in tv: quelle con la bionda mozzafiato, i secchielli del ghiaccio o la birra bevuta a canna. Se non sei esperto conosci, probabilmente, solo marche famose. E marche famose vuol dire industria: belle e senz’anima. E no, la birra che beveva il nonno ormai non esiste più. Quella marca è diventata una budget line di qualche multinazionale. Niente amarcord, proseguiamo.

3) Leggere è importante. L’etichetta di una birra a volte ci può aiutare molto: per prima cosa leggiamo gli ingredienti (anche se stanno iniziando a scomparire… viva la sincerità). Come non ci piace leggere “al gusto di frutta” perché noi vogliamo la frutta vera, così vogliamo il malto d’orzo, il frumento, la segale o l’avena. Non mais o riso che sono succedanei di minore qualità, e sintomo di birra a produzione di massa. Leggiamo poi dove è prodotta la birra e da chi: se il produttore è una sigla-codice-fiscale e lo stabilimento di produzione può essere in diverse nazioni allora la spia “Birra da evitare” lampeggia selvaggia.

4) Non facciamolo strano. Saltiamo a pié pari le birre “esotiche”; giapponesi o giamaicane in etichetta spesso sono prodotte in Europa su licenza.

5) Non essere Zio Paperone. Spesso la birra buona costa un po’ di più. Se un litro di birra costa meno di un euro sullo scaffale… ci siamo capiti, no?

6) Roulette belga. Spesso le birre buone che si trovano al supermercato vengono dal Belgio: Trappiste e Dupont per cominciare, ma anche Achuffe o Duvel possono regalare più soddisfazioni di una Peroni. Purtroppo però anche le trappole migliori sono (o sembrano) belghe. Evitate diavoli o demoni vari, pirati, abbazie e monaci ignoti, anche perché spesso scoprirete che sono tutti prodotti da un’unica azienda.

7) La sperimentazione porta alla perfezione. Buttate nel carrello bottiglie a voi ignote. A casa provatele e cercate di capire se hanno un gusto identificabile, se vi soddisfano e se, in fondo, vi piacciono. Avrete così un’idea più concreta dei vostri gusti e, si spera, vi lancerete verso un pub (magari uno di quelli buoni…) per salire di livello.

Alla fine, inutile fare sofismi: se a voi una Forst Sixtus piace, bevetela di gusto. Ma un giorno, quando berrete una BiBock sentirete una differenza di cui, difficilmente, potrete poi fare a meno.

Fonte:

Comprare birra al supermercato. Consigli per evitare il disastro